Cosa fare in Casentino: attività e trekking con gli asini

#casentinodeisensi

L’asineria “Gli Amici dell’Asino” in località Campolombardo, di Pratovecchio Stia, è stata per noi una scoperta sofficissima! Si, ho proprio detto sofficissima. Ma potrei anche aggiungere tenerissima. In un progetto che abbiamo chiamato “Casentino dei Sensi”, il tatto non poteva di certo mancare. E cosa può esserci di più tattile, del contatto diretto con gli animali? In questo nuovo post, in cui vi suggerisco cosa fare in Casentino, voglio proporvi qualcosa che saprà conquistare adulti e bambini: le attività con gli asinelli.

Inizio subito col dire una cosa importante: stiamo parlando di animali amatissimi e trattatati con ogni riguardo. Altrimenti non sarei nemmeno qui a scriverne. Animali coccolati, rispettati, curatipersino viziati: tutto ciò con immenso amore! Un gruppo di asinelli che, permettetemi di dire, è parte integrante del nucleo familiare composto da Marta, Fabio e dalla piccola Lucia.

#casentinodeisensi

“Gli amici dell’Asino” nasce quando Marta e Fabio, decidono di dare una svolta alla propria attività lavorativa. Incuriositi da questo animale così mite, dolce, dagli occhioni pieni d’amore, hanno fatto corsi e creato spazi adatti per ospitare i simpatici “amici orecchie lunghe“. Insegnando, in seguito, questo stesso amore e rispetto alla loro bambina, ma anche a tutti coloro che vogliono svolgere attività ludico-didattiche con gli asinelli. Si tratta di un vero e proprio progetto di educazione ambientale.

Arriviamo in località Campolombardo sabato pomeriggio, dopo aver pranzato al “Ristorante da Loris”. In una vallata panoramica dai colori sgargianti e dagli affacci mozzafiato sul Casentino, facciamo conoscenza con Marta, Fabio, Lucia ed i loro amici asinelli. Restiamo senza fiato per la pace incontaminata del luogo, per la tenerezza del contatto con gli animali, per il calore con cui veniamo accolti ed immediatamente messi a nostro agio.

#casentinodeisensi

∞♦∞

Cosa fare in Casentino: escursioni con gli asinelli.

E’ la piccola Lucia ad insegnarci come si fa a spazzolare un asino, momento che i dolci “orecchie lunghe” amano da impazzire, oltre a mostrarci come sellarli senza fargli del male, in vista dell’attività a cui parteciperemo a breve. Vi vedo sapete? Vedo che state iniziando a sogghignare. So che siete in attesa della cronaca di una delle mie figuracce, magari di una di quelle cadute in cui sono maestra. Piccoli viperelli! Ritirate pure le vostre lingue biforcute e ascoltate bene: non sto per salire in groppa ad un asinello. E nemmeno Daniele. A farlo sarà la piccola Lucia, che verrà trasportata dalla mite Mimosa, guidata da babbo Fabio. Io e Daniele, invece, prenderemo “lezioni di guida”, durante un’indimenticabile escursione con gli asinelli!

#casentinodeisensi

Nostro compagno d’avventura sarà Fabio (non il babbo di Lucia, Fabio l’asinello), che con la sua dolcezza unica tenterà nell’ordine di:

  1. farmi gli occhioni alla “guarda che tenero peluche sono”;
  2. farmi credere di aver fame (dopo aver ruminato incessantemente per ore);
  3. testare la mia stabilità di guida;
  4. accertare la mia incapacità;
  5. trascinarmi verso il primo “Autogrill Asinino” disponibile (alias: manti erbosi, campi…pure il giardino del vicino).

Quando Fabio (non l’asinello, il babbo di Lucia) mi spiega che questa sorta di test-drive, è una prova a cui ogni essere umano viene sottoposto dagli asini, per valutare quanto se ne possano approfittare, capisco di essere appena caduta nella trappola! E dire che pensavo fosse solo un problema di convergenza!

Spiego a Fabio “orecchie lunghe” che sono sua amica, che deve seguire me e che insieme ce la spasseremo tanto su per le scarpate. Lui ovviamente mi crede, ed io divento una perfetta neo-patentata. Sono lì che mi diverto come una pazza quando, durante una piccola sosta per osservare uno stercoraio….insomma, un “ruzzola merda”, Daniele affascinato da un essere vivente in grado di obbedire, mi sfila Fabio dalle mani e non c’è più modo di riaverlo indietro. Davvero eh! Non me lo lascia più!

Ma noi ormai siamo diventati super amici, Fabio pensa che io sia una bravissima pilota (non chiedete come lo so: è così), perciò sottopone Daniele al test-drive. Quando li vediamo convergere delicatamente verso ad un fosso ricco di erbetta, capiamo che sta vincendo l’asino. Eppure, alla fine, è proprio Daniele a guadagnare la “Patente della Repubblica Asinina”! Eccheccavolo ci credo, mi ha rubato il mezzo di guida!

#casentinodeisensi

∞♦∞

Tutto il bello di fare attività con gli asini.

E’ difficile trasmettere quanto ci siamo divertiti, quanto sia stata rilassante, liberatoria e indimenticabile questa esperienza! Passeggiare lentamente, a contatto con gli “amici orecchie lunghe“, guidati dalla professionalità di Fabio, Marta e anche della piccola Lucia, è qualcosa dal grande impatto umano.

#casentinodeisensi

Immergersi in maniera sostenibile nel territorio, prendendosi tutto il tempo per osservare i paesaggi, i particolari, per ascoltarne le storie. Per allungare una mano e riempire di coccole gli asinelli, che sanno ricompensarti con affetto e dolcezza. Muoversi su un tappeto di foglie coperti dagli alberi e, all’improvviso, trovarsi davanti un panorama mozzafiato sul Casentino. Con, a tua disposizione, tutto il tempo per assorbirlo. Fare ogni passo con avvolgente consapevolezza. Ecco, tutto questo ha un valore umano inestimabile.

#casentinodeisensi

Se vi state chiedendo cosa fare in Casentino, la risposta è: regalatevi un’attività a contatto con gli asini e la natura! Ne uscirete rigenerati nella mente e scoprirete un pezzo di Toscana insolita, in un modo assolutamente fuori dal comune. Ecologico ed ecosostenibile.

A metà passeggiata ci raggiunge anche Marta che, insieme a Fabio, racconta ancora qualcosa sulle attività proposte da “Gli amici dell’Asino”. Oltre a lavorare tantissimo insieme alle scolaresche, con programmi di asineria didattica, organizzano escursioni, percorsi naturalistici, trekking. Il tutto sempre con la supervisione di guide professionali qualificate.

#casentinodeisensi

L’asino si rivela un fidato e simpatico compagno d’avventura, un animale mite che sa perfettamente approcciarsi sia agli adulti che ai bimbi, oltre che auto-regolarsi. Se, ad esempio, si rende conto di essere stato caricato male, ossia troppo a ridosso della zona cervicale, oppure si sente particolarmente stanco, si ferma e blocca, per far capire che qualcosa non va.

La durata e la tipologia delle escursioni è variabile, ne vengono organizzate adatte a tutti: dalle famiglie con i bambini, ai camminatori esperti, dai gruppi che vogliono fare una passeggiata di scoperta…alle coppiette. Di cosa parlo? Beh, ma sapete che lo scorso San Valentino, Marta e Fabio hanno ideato una “romantica escursione con l’asino”? Un’opzione eccellente, per trascorrere una giornata speciale ed inusuale all’aria aperta, in un ambiente naturalistico da 10 e Lode!

#casentinodeisensi

Alla fine delle attività, i partecipanti possono fermarsi negli spazi aperti della fattoria di famiglia, per consumare un pic-nic a bordo del laghetto, riposarsi tra i soffici prati verdi, andare a far visita alle caprette ed ascoltare il festoso ragliare degli asinelli! Mentre tutto attorno il panorama sul Casentino porterà ossigeno alla mente e agli occhi.

#casentinodeisensi
#casentinodeisensi

Da questa esperienza, io e Daniele siamo usciti entusiasti ed innamorati. Non innamorati l’uno dell’altro: innamorati di Fabio “orecchie lunghe”, l’unico maschietto, in una famiglia asinina fondata sul matriarcato. Povero Fabio, è costretto a “camminare sempre un passo indietro”, come Re Filippo con la Regina Elisabetta II. Eppure è riuscito a rubarci il cuore.

Tanto per capirci:

  • io volevo lasciare Daniele in asineria e tornare a casa con Fabiuccio;
  • Daniele voleva lasciare me in asineria e tornare a casa con Fabiuccio;
  • Marta e Fabio, allarmati dalla possibilità di vedere Fabiuccio andarsene da solo in auto e trovare noi due al suo posto, ce lo hanno gentilmente sottratto per riconsegnarlo sano e salvo, al suo ragliante nucleo familiare!

Privati di Fabiuccio, salutiamo i nostri meravigliosi ospiti, per raggiungere la prossima meta del progetto “Casentino dei Sensi”: Molin di Bucchio. Con Marta, Fabio e Lucia ci rivedremo domani, per un intenso e fantastico “Archeotrekking di primavera”, organizzato in collaborazione tra “Gli Amici dell’Asino” e “AlterTrek-Alter Idee per l’escursionismo in Casentino Toscana”. Ma senza Fabiuccio….

#casentinodeisensi

∞♦∞

Cosa fare in casentino: attività con gli asini. Informazioni pratiche.

Se state cercando qualcosa di insolito e davvero indimenticabile, da fare in una parte Toscana altrettanto insolita ed indimenticabile, “Gli amici dell’Asino” potranno di certo proporvi qualcosa di adatto. Non temete durata od intensità delle attività, vi garantisco che Marta e Fabio sapranno trovare la soluzione ideale alle vostre esigenze. Anche una sola passeggiata di poche ore, come quella che abbiamo personalmente sperimentato, vi permetterà di godere appieno il contatto con gli asinelli e con il Casentino!

#casentinodeisensi

Per informazioni, eventi, attività aggiornate, trovate “Gli amici dell’Asino”:

 Claudia B.

“Casentino dei Sensi” è un progetto di “Voce del Verbo Partire -Travel Blog di Claudia Barbieri”.

In collaborazione con: “Gli Amici dell’Asino”

Per scoprire tutti i reportage di viaggio dedicati al progetto “Casentino dei Sensi”, cliccate⇒ #casentinodeisensi

20 Commenti

  1. Claudia! Ho gli occhi acuoricini, tanti cuoricini.
    Amo gli asinelli, hai ragione che hanno occhi dolcissimi 🙂
    Post meraviglioso!
    Pensa che poco tempo fa sono stata in fattoria a far vedere gli animali ai miei bimbi. Ho giocato IO con gli asinelli per almeno 20 minuti 🙂

    1. Grazie per i complimenti Elisa 🙂 Tra l’altro sto ridendo pensando a te, che porti i tuoi piccoli in fattoria, poi finisci per giocare tu con gli animali, ahahahahah! Scusa, ma sei stata troppo carina!
      Una cosa è sicura: quando si ha a che fare con animali tanto dolci, si tende a tornare bambini. Oltre a dimenticare qualsiasi problema o pensiero. Fare attività con i pelosetti dà una grande serenità!
      Un bacione,
      Claudia B.

  2. Ma nooooo Fabio è adorabile 😍l’asino, non il papà di Lucia…oddio poi magari è adorabile anche lui😂, ma orecchie lunghe non lo batte nessuno! Adoro il modo in cui ha provato a metterti alla prova hahahahaha…grande Fabiè!!! Sembra davvero il paradiso…poi quando ci sono animali e persone che amano gli amano gli animali, il risultato è garantito! ❤

    1. E’ un successo su tutta la linea, perché il benessere emotivo lo riescono a trasmettere anche ai visitatori, impossibile non percepirlo! Poi il modo meraviglioso con cui la piccola Lucia si approccia agli animali e alla natura, fa comprendere non solo l’importanza del progetto di Marta e Fabio (adorabili tutti e due 😉 ), ma anche quanto sia fondamentale insegnare ai bimbi questo tipo di rapporto ludico didattico con l’ambiente e le sue creature.
      Fabiuccio, poi, è un cuoricino…tralasciamo che ha provato a fregarmi (ahahahahah, piccolo teppistello!), ma è stato un momento unico quello vissuto insieme. Prima che mi venisse sottratto con l’inganno, ovviamente.
      Un bacio Lucia!
      Claudia B.

  3. Questo articolo non vedevo l’ora di leggerlo! Fabio (l asinello) mi ha già conquistata senza neanche averlo conosciuto di persona! Che bella questa esperienza! E brevo Daniele che si è guadagnato la patente! 😉 avere una fattoria didattica o un luogo dove esercitare la pet therapy sarebbe un sogno x me!!! Questo posto è un piccolo gioiello! Una bella scoperta! Brava!!!

    1. E devi vedere che paradiso! Dalle foto è difficile capire appieno la bellezza dell’asineria di Marta e Fabio, ma quando sei lì, con quei panorami mozzafiato, la sola voce della natura in sottofondo (e degli animali), ti dimentichi persino il tuo nome! E’ un sogno, e loro sono molto bravi, perché sanno gestire in maniera egregia questa attività 🙂
      Per noi è stato bellissimo scoprire un posticino, dove stare a contatto con gli animali e la natura in completa armonia. Ma, diciamolo: Fabiuccio mi è stato sottratto con l’inganno. La patente la meritavo io!!!
      Un bacio Serena,
      Claudia B.

  4. Ah, la faccia di Daniele con la patente, che spettacolo!
    Devo ammettere che però sono rimasta tutto il tempo con il fiato sospeso perché nonostante avessi anticipato che non c’era stata nessuna caduta, in fondo non ci credevo e mi immaginavo comunque uno scivolone 😉
    Scherzi a parte, una bellissima iniziativa in uno scenario favoloso.
    Al prossimo post 🙂

    1. Silvia ormai le mie “figure artistiche” sono note, lo so bene😂! Ma la cosa strana è che sono riuscita a restare ferma sulle mie gambe, per l’intero fine settimana!
      Voglio comunque far notare che la patente, mi è stata indebitamente sottratta, lo direbbe anche Fabiuccio se potesse 😉
      È stata un’esperienza indimenticabile. Trascorrere il tempo a contatto con la natura e gli animali, è curativo. Fa proprio bene all’anima!
      Un bacio,
      Claudia B.

    1. Verissimo! Ed è anche molto educativo per loro: li aiuta ad approcciarsi con rispetto agli animali, ma anche a non temerli. A condividere momenti ludico-didattici, senza bisogno di tecnologia. A sentirsi parte del territorio.
      E, ti dirò, funziona anche per gli adulti 😉
      Grazie per essere passata Stefania!
      Claudia B.

  5. Ahahah guarda che faccia soddisfatta che ha Daniele dopo averti soffiato la patente! Ahahah 🙂
    Comunque avevo indovinato già prima di aprire il blog e leggere: questi asinelli hanno uno sguardo tenero e pieno d’amore. Lo stesso che sono certa ricevano ogni giorno dalla loro bella famiglia! È un’attività che come dici tu non poteva proprio mancare in un progetto come il vostro! Bella ed interessante.. Immagino quanti sorrisi vi abbia strappato! <3

    1. Tantissimi Lucrezia! Proprio di gioia e gusto, sembravamo due bambini piccoli! Anche perché gli asinelli sono amici speciali, e solidi compagni di escursione…sempre se non ti portano a mangiare il prato del vicino!
      Poi quando conosci queste realtà territoriali così ben radicate e portate avanti con amore, capisci quanto spesso ci sia tanto in un viaggio, oltre al singolo monumento o museo. Magari non è una cosa di cui ti rendi conto se non la provi. Poi, però, una volta provata: è amore!
      PS: si, visto che sguardo soddisfatto? Come quello di un gatto che si è pappato la scodella di latte….la pagherà, Fabiuccio è mio!
      Bacioni,
      Claudia B.

  6. Ma che belli gli asinelli! Uno pensa che siano simpatici quanto il celebre Ciuchino e invece… sono tenerissimi. Quando facevo tirocinio presso una struttura che faceva pet terapy, avevano sempre paura a prendersi carezze. Ma io li voglio guidare… pure io ti voglio rubare l’asinello e condurlo per il bosco!

    1. Ma perché tutti mi volete rubare Fabiuccio!!! Insomma questa cosa bisogna sistemarla, ahahahahah! Guarda Tizzi, avere quel corpicino peloso ondeggiante, che cammina con te, così fisso e vicino, è una cosa bellissima. Si percepisce diversamente anche il territorio che ci circonda 🙂
      Ma non sapevo che tu avessi fatto tirocinio in una struttura per la pet therapy! Che peccato però che fossero restii a farsi accarezzare. Gli asinelli di Marta e Fabio sono super socievoli, dei coccoloni. Addirittura, quando li chiamano per nome, loro si avvicinano senza remore!
      Un bacione cara!
      Claudia B.

    1. Assolutamente Roberta! Lui ormai era il nostro beniamino, ce lo siamo quasi strappato di mano, ahahahah! E’ stata un’esperienza che mai avremmo pensato di fare, ci siamo davvero innamorati. Una tenuta splendida, un territorio che urla “ascoltami” e il contatto con gli animali, che fa sempre un gran bene all’anima!
      Baci,
      Claudia B.

  7. Fabiuccio!!!
    Me ne sono innamorata anch’io solo leggendoti 😀
    I ciuchini sono dolcissimi, dalle mie parti ci fanno anche delle “corse” e sono spettacolari perchè loro vanno dove gli pare! Anche se ovviamente vederli pascolare e farsi portare a passeggio è infinite volte meglio.
    Mi sto segnando tutto eh 😉

    1. Celeste hai visto che cascata di dolcezza!!! E’ una settimana che sentiamo la mancanza di Fabiuccio, giuro che non vediamo l’ora di rivederlo. Ora ci aspetta un periodo molto pieno, ma appena usciamo dal “momento di fuoco” vogliamo assolutamente tornare in asineria.
      Brava segna tutto, perché questa è veramente una chicca. Come scrivevo prima a Daniela, penserete che io sia pazza, ma fare attività con gli asinelli, nel colmo della natura, mi ha curato l’animo, la mente. Sono animali dolcissimi, simpatici e molto socievoli!
      Anche da noi in Romagna fanno manifestazioni storiche, molto amate: “Il palio dell’asino” è davvero un must!
      Bacioni, grazie per essere passata!
      Claudia B.

  8. Mi sono fiondata a leggere *_* ed ora ho gli occhi a cuoricino. Amo tantissimo i cavalli, da ragazza montavo regolarmente e facevo anche dei concorsini di salto ostacoli. Per me i cavalli, e ancora di più gli asini, hanno gli occhi più belli del regno animale! Fare un trekking nella natura e condurre un mite asinello al proprio fianco è stato un privilegio Claudia, ancor più che montargli in groppa credimi!
    Hai provato ad accarezzargli il muso fra le due narici? Hai visto com’è morbido? hahahah oddio adesso sembro una deficiente! *_*
    La patente comunque è una vera genialata!
    E dì la verità che Fabio adesso è di là sul divano di fronte la stufa a pellet che parla con Daniele di calcio! 😀 😀
    Ora è nel vostro asse ereditario hahahaahh!
    Bacioni! 😉

    1. Ahahahahahah, mi immagino la scena!!! Sarebbe troppo bello: Fabiuccio + Daniele + birra + MotoGp (e io, ovviamente: muuuta!).
      Ma ci credi che ci siamo davvero innamorati? Nella nostra immensa ignoranza, pensavamo che il manto degli asinelli fosse un pò “graffiante”, per scoprire in effetti che sono morbidosi, soprattutto in certi punti. Marta ci ha spiegato che, come noi, in tanti fanno questo errore di valutazione. E’ un antistress naturale, coccolarli e stare a contatto con loro.
      E’ difficile spiegare la bellezza di quelle ore trascorse in asineria, mi ha liberato la mente. Arrivata a fine attività, non ricordavo nemmeno più quali problemi avessi mollato a casa 🙂 Ma ora che mi hai spiegato da dove proviene la tua passione per cavalli e asini, sono certa che puoi comprendere le mie parole e non mi prenderai per pazza.
      Trovo il progetto lavorativo di questi ragazzi splendido, un modo di vivere una vita reale e di pieno rispetto nei confronti della natura. Un rispetto che stanno trasmettendo perfettamente anche alla loro bimba.
      Per noi è stato un onore provare questa esperienza. E Fabiuccio è ovviamente già invitato per le vacanze estive qui in Romagna 😉
      Bacioni a te, Dani!
      Claudia B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *