Cosa vedere nei dintorni di Cesena: itinerario tra borghi, rocche, eventi

SCOPRIRE I DINTORNI DI CESENA

A breve in Romagna inizierà la cosiddetta “stagione”, che per molti equivale al periodo lavorativo più duro. Quello che va da Pasqua a Ottobre, con un flusso turistico altissimo e ininterrotto. Le strutture in riviera romagnola riapriranno, almeno quelle che chiudono abitualmente in inverno. Perché c’è da dire che, negli ultimi anni, sempre più hotel riescono a lavorare in modo continuativo, grazie alla destagionalizzazione del turismo. In fondo chi lo dice che la Romagna è solo mare? Abbiamo un entroterra ricchissimo e città d’arte straordinarie. Mete che non ci si aspetta di trovare nella mia terra, di cui amo scrivere e parlare. E, se spesso ho raccontato i dintorni di Rimini e quelli di Riccione, oggi voglio consigliare cosa vedere nei dintorni di Cesena.

Un itinerario semplice e piacevole, che si può seguire in auto e in moto. Vi proporrò borghi e rocche vicino Cesena, con puntate anche sull’Appennino Tosco-Romagnolo, a brevissima distanza. Queste escursioni e visite, si possono fare anche partendo da Ravenna e Forlì. Una carta vincente per chiunque voglia abbandonare la frenesia delle città o della costa, per qualche ora. Magari partecipando a manifestazioni ed eventi, che raccontano anima e tradizioni di Romagna.

I DINTORNI DI CESENA, SONO PERFETTI PER PASSEGGIATE ED ESCURSIONI

∞♦∞

Cosa vedere vicino Cesena: Bertinoro.

Il vademecum su cosa vedere nei dintorni di Cesena, non poteva che iniziare dal “Balcone di Romagna”. Bertinoro è un borgo dai colori pastello, che domina la costa adriatica stretto tra distese di viti. Non a caso Bertinoro è terra di Sangiovese, Albana e Pagadebit. Una tradizione antica, che Bertinoro ripropone con un ricco calendario di eventi, come ad esempio “Vini e Sapori di Strada”, “Albana Dei” e “I Pomeriggi del Bicchiere”. Quest’ultimo in particolare, è un modo insolito di trascorrere i pomeriggi d’inverno a Bertinoro, tra letture, musica e degustazioni.

Una passeggiata a Bertinoro è perfetta in ogni stagione, soprattutto nel tardo pomeriggio, quando si può assistere a tramonti mozzafiato con panorama incluso. Su Piazza della Libertà, si trovano gli edifici principali di Bertinoro: la Collegiata, il Palazzo Comunale e la singolare Colonna dell’Ospitalità. Mentre la Rocca di Bertinoro, che ospitò persino il Barbarossa, si raggiunge con una bella camminata tra i vicoli.

COSA VEDERE NEI DINTORNI DI CESENA
SCORCIO NOTTURNO SU BERTINORO
  • Per saperne di più su cosa vedere a Bertinoro, vi lascio il mio articolo.
  • Bertinoro si trova a 13 km da Cesena.

∞♦∞

Cosa vedere nei dintorni di Cesena: Predappio.

Predappio è un sonnolento borgo costituito dalla parte vecchia e da quella nuova. Due anime opposte: medievale la prima, rigorosamente fascista la seconda. In effetti Predappio Nuova venne ricostruita durante il Fascismo, in seguito ad una frana che minò la sicurezza del paese antico. Il fatto che Benito Mussolini fosse originario di questo sperduto borgo della Provincia di Forlì-Cesena, lo fece comportare come il più classico dei pensionati: spesso e volentieri, infatti, si presentava sul cantiere a valutare lo stato dei lavori!

Personalmente non amo Predappio Nuova. Né l’architettura razionalista o il Bauhaus, se per questo. La mia anima Barocca con tendenze al Gotico e al Romanico, soffre ogni volta che si trova accanto a tanta sterilità visiva. Mentre trovo rigenerante fare una passeggiata a Predappio Vecchia. Un modo piacevole per immergersi in un tipico spaccato di vita di campagna. La Rocca di Predappio domina austera il piccolo borgo, mentre nella piazza principale e nei cortili, inaspettati gruppi di abitanti e visitatori si godono momenti convivali.

COSA VEDERE NEI DINTORNI DI CESENA
PREDAPPIO ALTA E I SUOI VICOLI
  • Per saperne di più su Predappio e sul Circuito delle Rocche di Romagna, vi lascio il mio articolo.
  • Predappio si trova a 34 km da Cesena.

∞♦∞

Itinerario partendo da Cesena: la Rocca delle Caminate.

Anche la Rocca delle Caminate è un luogo simbolo legato alla vita di Mussolini. Si trova a pochi minuti d’auto da Predappio. Pare che, quando il Duce fosse in sede, facesse in modo di farlo sapere a chiunque, con il fascio di luce tricolore fatto posizionare sulla torre e visibile a km di distanza. Sempre umile Benito. Come quando fece spostare i confini della sorgente del Tevere in Emilia Romagna. Chissà come, ma vedeva una metafora tra la propria modesta persona ed il timido corso d’acqua, che prende potenza fino a diventare il fiume “Sacro ai destini di Roma“…

Normalmente la Rocca delle Caminate non è aperta al pubblico, tranne in occasione di eventi medievali come, ad esempio, “Otto Castelli per un Palio” e “Falchi et Archi”. Se invece capitate da queste parti in altri periodi, consiglio comunque di seguire la stupenda strada collinare, tra vigneti e campagne di Romagna. Imperdibile sia in moto che in auto.

COSA VEDERE NEI DINTORNI DI CESENA
LA ROCCA DELLE CAMINATE
  • Per saperne di più sulla Rocca delle Caminate e l’evento “Otto Castelli per un Palio”, vi lascio il mio articolo.
  • La Rocca delle Caminate si trova a 30 km da Cesena e 4 km da Predappio.

∞♦∞

Gli amori e i misteri della Rocca di Castrocaro.

Passiamo ora dal rigore Fascista, alla poesia pura dell’amore in ogni sua accezione. Perché visitare la Rocca di Castrocaro, è una presa di consapevolezza di cosa possano fare determinazione e passione. Una fortezza ridata al mondo con un lungo lavoro di ristrutturazione, partito dalla Chiesa palatina di Santa Barbara, proseguito con il Palazzo del Principe, fino all’odierno “miracolo”. La messa in sicurezza ed apertura degli “Arsenali Medicei”. Un’architettura atipica ed inusuale non solo in Romagna, ma in tutta Italia.

Partecipare alla visita guidata della Fortezza di Castrocaro, gestita magistralmente dal castellano Elio Caruso, è una delle esperienze più belle che si possano fare. Tra i piani nobili del castello, le cucine, gli arredi d’epoca, lui narra un romanzo fatto di aneddoti storici e antiche leggende.

COSA VEDERE NEI DINTORNI DI CESENA
GLI INTERNI DELLA FORTEZZA DI CASTROCARO
  • Per saperne di più sulla Rocca di Castrocaro, vi lascio il mio articolo.
  • Il borgo di Castrocaro Terme si trova a 32 Km da Cesena.

∞♦∞

Cosa vedere nei dintorni di Cesena: Brisighella.

Brisighella è il “Borgo dei Tre Colli”, una cartolina d’autore che domina la Valle del fiume Lamone. Conviene dedicare una giornata intera alla visita di Brisighella, perché ci sono diverse cose da fare e vedere. A partire dalla Rocca Manfrediana. Con lo stesso biglietto, si può accedere anche al Museo Ugonia. Imperdibili, poi, una sosta alla Torre del’Orologio, al Santuario della Beata Vergine del Monticino e al particolare “Giardino di Ebe”.

Diversamente dai più tipici borghi di Romagna, in cui prevalgono pietre e sassi, Brisighella è un tripudio di colore. Nel centro storico, oltre a taverne di cucina romagnola e numerose botteghe d’antiquariato, è la Via degli Asini ad attirare lo sguardo. Una strada coperta sopraelevata, dove la luce entra da una serie di arcate.

COSA VEDERE NEI DINTORNI DI CESENA
PANORAMA DALLA ROCCA MANFREDIANA DI BRISIGHELLA
  • Per saperne di più su Brisighella, vi lascio il mio articolo.
  • Brisighella dista 50 km da Cesena.

∞♦∞

Cosa vedere nei dintorni di Cesena: Portico di Romagna.

Partendo da Cesena e iniziando a spingersi verso l’Appennino Tosco-Romagnolo, è possibile non solo immergersi in una natura lussureggiante dai paesaggi puri. Fuggendo, magari, dal caldo afoso delle città e della costa, in estate. Oppure “correndo tra le braccia della neve”, in inverno. Fare uscite sull’Appennino, è anche il modo giusto per scoprire tradizioni e borghi di montagna.

Ad esempio l’irresistibile Portico di Romagna dove, a Palazzo Pontinari, si pensa scoccò la scintilla tra Dante e Beatrice. Questo piccolo centro della Valle del Montone, suddiviso come nell’antichità su tre livelli, è un connubio tra graziose villette in pietra e palazzi nobiliari. Durante il periodo natalizio Portico diventa il “Paese dei Presepi”, con allestimenti della natività da ricercare lungo i vicoli, come una sorta di caccia al tesoro d’Avvento.

COSA VEDERE NEI DINTORNI DI CESENA
MAGIA DI PIETRA A PORTICO DI ROMAGNA
  • Per saperne di più su Portico di Romagna, vi lascio il mio articolo.
  • Portico di Romagna dista 54 km da Cesena.

∞♦∞

Cosa vedere nei dintorni di Cesena: la “Festa del Falò” a Rocca San Casciano.

A breve distanza da Portico di Romagna c’è Rocca San Casciano, il tipico paese preappenninico che si raccoglie attorno ad una piazza principale, stretta da edifici colorati poggiati su portici. Accogliente ed elegante, si lascia dominare dalla mole severa della rocca, che sorveglia il borgo senza però interferire con la sua signorilità.

A Rocca San Casciano è sempre piacevole fermarsi per una passeggiata. Ma, se si vuole assistere ad uno spettacolo tradizionale imperdibile, bisogna partecipare alla “Festa del Falò”. Un evento che illumina letteralmente Rocca San Casciano, nel fine settimana dopo Pasqua. Una sfida tra rioni che sfocia in una lunga notte di danze sfrenate, con carri che ricordano quelli del Carnevale.

ROCCA SAN CASCIANO DURANTE LA FESTA DEL FALÒ
  • Per saperne di più sulla “Festa del falò”, vi lascio il mio articolo.
  • Rocca San Casciano dista 47 km da Cesena e 7 km da Portico di Romagna.

∞♦∞

Mappa dell’itinerario vicino Cesena.

Per facilitare la pianificazione dell’itinerario in Romagna che vi ho appena proposto, lascio una mappa delle località. In questo modo potrete suddividere le visite per vicinanza, prendendovi tempo di qualità per scoprire i dintorni di Cesena. Tenendo conto che ogni luogo è facilmente raggiungibile anche da Cesenatico, Ravenna, Faenza e Forlì.

MAPPA DELLE LOCALITÀ DA NON PERDERE VICINO CESENA

A chi pensa che la Romagna sia solo mare, locali notturni e piadina. Per chi è convinto che la Romagna sia quella vista nei film anni Ottanta. Se pensate al turismo in Romagna esclusivamente come a momenti di relax privi di sostanza. Eccco, a tutti voi spero di aver dimostrato, per l’ennesima volta, che la mia terra è molto più di uno stereotipo. Vi aspetto in Romagna!

Claudia B.

10 Commenti

  1. Quanti tesori in Romagna. Mi vergogno un po’ a dirlo ma non ho ancora visitato ne Brisighella, ne Predappio, ne Bertinoro. Direi che da Emiliana è un po’ da vergognarsi!

  2. Claudia non so spiegarti a parole i viaggi della fantasia che mi ha procurato l’espressione “I Pomeriggi del Bicchiere”. 😉 Sulla Predappio fascista mi hai messo tanta curiosità, infatti sono subito andata a leggere il post correlato. A parte che era tanto che non leggevo AF nella firma finale, ti dirò che il “simpatico ventennio” mi interessa moltissimo dal punto di vista storico NON di fede ci tengo a sottolinearlo. Ammetto di avere un debole per la storia, le architetture e per quei documentari della Istituto Luce…ecco l’ho detto. Ma santocielo i fasci di luce quando era in sede no ahhahaah! 😀 Sono anche andata a vedere il post sulla Rocca di Castrocaro che è meravigliosa, intrisa di storie e leggende. Peccato che l’altra Rocca non sia sempre fruibile! Sai credo che come non esistano più le mezze stagioni, non esista più nemmeno “la stagione”, nel senso che stiamo assistendo ormai ad un turismo in movimento tutto l’anno. Un ponte, un WE, un compleanno, una festa patronale, ormai tutto l’anno c’è una scusa buona per prendere e partire! Che bella la tua terra Claudia, se solo fosse più vicina! Buonanotte! :*

    1. Nonostante la lontananza, se mai un giorno tu decidessi di venire in Romagna, sappi che ci terrei molto a farti da guida!
      Ammetto che anche io sono molto affascinata dal Ventennio come periodo storico, ci sono tanti particolari e scelte che ancora oggi mi piace analizzare.
      Hai visto che spettacolo Castrocaro? Oltre agli interni, la vera punta di diamante è la visita insieme al castellano. Mentre la Rocca delle Camminate va purtroppo “colta” nei momenti giusti…
      Devo dire che si, sono fortunata. Vivo in una terra bellissima e molto ricca. Che per fortuna è uscita dalla mentalità stagionale. Perché come hai giustamente ricordato, oggi qualsiasi occasione è buona per fare un viaggio!
      Bacioni,
      Claudia B.

  3. A noi succede nelle montagne vicino a casa, quando la gente dalla città arriva in massa. Per carità, ben venga il turismo perché in certi paesini è fondamentale, però a volte “la stagione” comporta davvero un’invasione che quasi non ti fa respirare. Detto ciò, questo articolo è la dimostrazione che la Romagna è molto più di spiaggia e mare.
    Predappio la conosco “di fama” per averne studiato il nome sui libri di storia e devo dire che in un certo senso gli edifici in stile razionalista in parte mi affascinano: non nel senso che mi piacciano, però le trovo curiose (abbiamo una scuola costruita in questo stile nella mia cita e a tratti mi ricorda un po’ lo stile brutalista). Nonostante questo direi che Portico è il borgo che mi ispira di più.
    Buona giornata ❤️

    1. Si, sull’invasione di borghi e percorsi trekking, ammetto che a volte può essere destabilizzante! Soprattutto quando si è abituati alla tranquillità, oppure ad avere questi luoghi a quasi completa disposizione. Però devo dire che, negli ultimi anni, ho iniziato a vivere con un grande senso di orgoglio la presenza di tante persone che ammirano davvero la mia terra!
      Portico è veramente incantevole anche nell’atmosfera, soprattutto a Natale! Il paesino delle fate.
      Mi piacerebbe vedere l’architettura razionalista nei paesi dell’ex blocco sovietico, questo si. Forse riuscirei maggiormente ad apprezzare il tutto… pur continuando a sognare il Rococò ?!
      Un abbraccio,
      Claudia B.

  4. La “stagione” è qualcosa che conosco proprio bene. Non quella in Romagna, ma il concetto si ripete anche qui dalle mie parti. Io la definisco la mia non estate, a buon inteditor poche parole! Comunque la tua zona la conosco davvero troppo poco ed è inaccettabile. Devo assolutamente venire a trovarti così mi fai un po’ da cicerone. Ci sono così tanti borghi che è difficile annoiarsi. Hai proprio ragione Claudia, non solo riviera e mare, ma tanto altro ed io non vedo l’ora di scoprirlo! 😉
    Un abbraccio <3
    Simo

    1. Simo ti aspetto a braccia aperte, lo sai! Tu non immagini quanti luoghi avrei da mostrarti, un elenco infinito. Sono certa che riuscirei a farti innamorare della mia terra. Pensaci, perché l’autunno in Romagna è incantevole. Così terminata la “tua non estate”, potresti passare qualche giorno qui.
      Penso che le località come quelle in cui siamo nate noi, siano la quintessenza della “stagione”. Stessa storia, stesso lavoro, stessa incedibile tempra!
      Un abbraccio,
      Claudia B.

I commenti sono chiusi.