Escursioni nei dintorni di Rimini: quali fare in un giorno

QUALI ESCURSIONI FARE IN UN GIORNO NEI DINTORNI DI RIMINI

Oggi voglio parlarvi di alcune semplici escursioni da fare nei dintorni di Rimini. Sapete quanto io ami la mia terra, che mi diverto a scoprire e riscoprire, senza mai scadere nella noia. Perché ho sempre modo di vedere le località in cui sono cresciuta sotto punti di vista diversi. Gli esempi più lampanti sono i recenti trekking tra Valmarecchia e Montefeltro. Sono partita da alcuni borghi che conosco bene e che ho visitato in numerose occasioni, eppure hanno saputo stupirmi ancora, grazie ad un approccio diverso. Ma anche a dettagli nascosti e sfumature inaspettate. Desidero condividere questi facili trekking vicino Rimini con voi, che magari siete in vacanza in Romagna e volete trascorrere una giornata a contatto con la natura e la fantasia. Oppure cercate sempre nuove idee per un fine settimana speciale.

∞♦∞

Tre escursioni facili nei dintorni di Rimini.

∞♦∞

A piedi da Villa Verucchio a Montebello, passando per Saiano.

La prima parte del percorso collega Villa Verucchio all’Eremo della Madonna di Saiano. Vi consiglio di impostare sul navigatore Via Palazzo e parcheggiare in Piazzale Marecchia, subito dopo il ponte. Da qui bisogna seguire Via Palazzo per circa 3,6km, tra saliscendi su strada molto panoramici. Non lasciatevi spaventare, perché ci sono diversi punti in ombra e il paesaggio ripaga lo sforzo. Al termine di Via Palazzo, un segnale indica la salita verso l’Eremo della Madonna di Saiano, un santuario che domina la Valmarecchia. Oltre all’importanza storica di questo presidio fortificato, qui si possono ammirare la Repubblica di San Marino, il paese di Verucchio e il Castello di Montebello.

Proprio dalla piazzola alla base dell’eremo, parte la seconda parte del trekking che porta fino a Montebello. Si tratta di una strada bianca in salita. Ma ogni difficoltà viene alleviata dai panorami a volo d’angelo sulla Valmarecchia, con colori vividi che sbocciano in tocchi di bellezza. Si passa attraverso vitigni silenziosi, cavalli e asinelli socievoli e campi profumati. Pur trattandosi di una strada bianca percorribile con i mezzi, è veramente raro essere disturbati dalle auto.

Proseguendo dritto su Via Saiano fino all’imbocco con l’asfaltata Via Gessi, ci si ricongiunge alla strada che collega Torriana a Montebello. Girando a sinistra e continuando sulla corsia principale, è possibile raggiungere il borgo. L’ultima serie di curve in salita è piuttosto dura, ma non impossibile da affrontare. Soprattutto grazie agli affacci sulla Valmarecchia, da una parte, e sulla valle del Fiume Uso, dall’altra, una zona che ospita gioiellini tutti da scoprire: San Giovanni in Galilea, Ville di Montetiffi, Sogliano al Rubicone. L’escursione termina al cospetto del Castello di Azzurrina. Il borgo di Montebello, infatti, si stringe attorno al misterioso maniero, teatro delle sinistre vicende che hanno interessato Guendalina Malatesta.

∞♦∞

Informazioni pratiche.

  • PARTENZA E ARRIVO: Piazzale Marecchia, Villa Verucchio.
  • LUNGHEZZA E DURATA: 7km circa a tratta. Io impiegato l’intera giornata, in quanto ho fatto diverse soste per riposarmi, ammirare il paesaggio, visitare Saiano e il borgo di Montebello. Ma anche sedermi in trattoria a mangiare qualcosa di sfizioso!
  • ACQUA E CIBO: serve una buona scorta di acqua perché, in caso di necessità, si trova solo al termine del trekking, quindi a Montebello. Sempre nel borgo ci sono due bar-trattoria.
  • BAMBINI: i passeggini non sono utilizzabili nella parte centrale del percorso. Consiglio di stare attenti alle auto sulle strade asfaltate. Quest’ultimo consiglio vale anche per chi si muove con gli amici a quattro zampe.
  • BAGNI E AREE SOSTA: nei pressi dell’eremo vi sono bagni pubblici e una piccola area pic-nic.
  • PARCHEGGI: in Piazzale Marecchia sono gratuiti.
  • SCARPE: da trekking o anche la classica sportiva comoda per lunghe camminate.
  • DISTANZA DA RIMINI: 18km.
ESCURSIONI NEI DINTORNI DI RIMINI PARTENDO DA VILLA VERUCCHIO

∞♦∞

Escursioni per bambini nei dintorni di Rimini: l’Anello delle Tre Genghe.

Un trekking adatto a tutti i bambini fino a 99 anni! Tra le escursioni nei dintorni di Rimini, l’Anello delle Tre Genghe catapulta in un mondo di fantasia abitato da fate e folletti. Ma non solo, perchè è un percorso naturalistico capace di conquistare anche gli adulti, grazie agli affacci spettacolari sul Montefeltro.

Si parte dal borgo di Pennabilli, seguendo la chiara e nuovissima segnaletica. Oltre ai continui cartelli in legno con il nome del cammino, c’è una zampetta azzurra dipinta su tronchi, sassi e pietre. Il sentiero passa in mezzo al bosco, alternandosi a praterie e comodi stradelli, e prevede l’attraversamento del ruscello in un paio di punti. Ci sono anche alcune salite, ma nel complesso la passeggiata è semplice. Una miriade di farfalle variopinte e dalle fantasie astratte, riempiono l’aria di carezzevoli svolazzi.

A metà percorso è stato allestito un angolo fatato, con cappellini di gnomo, scalette per le fatine, lampade, acchiappasogni. E c’è anche un catino dove lasciare qualche bacca o ghiottoneria per i magici amici del bosco. Il cammino termina nel borgo di Pennabilli, chiudendo così un anello che rimanda con la mente ai capoversi delicati delle fiabe per bambini.

ESCURSIONI PER BAMBINI NEI DINTORNI DI RIMINI

∞♦∞

Informazioni pratiche.

  • PARTENZA E ARRIVO: Pennabilli zona Belvedere/ Orto dei Frutti Dimenticati (o viceversa).
  • LUNGHEZZA E DURATA: 1 ora e 30 minuti circa.
  • ACQUA E CIBO: serve una discreta scorta di acqua. Nel paese di Pennabilli ci sono diversi bar, ristoranti e botteghe dove acquistare cibo e bevande, oppure mangiare deliziosi piatti tipici.
  • BAMBINI: i passeggini non sono utilizzabili.
  • BAGNI E AREE SOSTA: nei bar e nei locali di Pennabilli vi sono bagni per i clienti. Lungo il percorso è possibile stendersi con una coperta per un pic-nic. Ricordate di portare del repellente per insetti.
  • PARCHEGGI: gratuiti o con disco orario.
  • SCARPE: da trekking o anche la classica sportiva comoda per lunghe camminate.
  • DISTANZA DA RIMINI: 48km.

∞♦∞

Escursioni panoramiche nei dintorni di Rimini: dal Cippo all’Eremo di Monte Carpegna.

Cambiamo regione, ma solo di una manciata di km, per andare sul Monte Cippo, nelle Marche. Una delle cime più amate da Marco Pantani, che qui viene ricordato ad ogni curva e anche in vetta, con un monumento commemorativo. Il Cippo sovrasta il paese di Carpegna, una località pre-apenninica molto amata da chiunque voglia fuggire dal caldo opprimente della città. Da alcune settimane, è anche possibile visitare il sontuoso Palazzo dei Conti di Carpegna, con una coinvolgente visita guidata che costa 8€.

Da Carpegna in pochi minuti si sale al Monte Cippo, dal quale partono numerose escursioni nei dintorni di Rimini. Io ho scelto il trekking all’Eremo della Madonna del Faggio, dove arrivo abitualmente in auto. Per una volta è stato emozionante, persino appagante, raggiungerlo solo con le mie forze. Si percorre una salita di circa un’ora, su un fondo di sassi, rocce e terra spesso non troppo compatta, passando dapprima in mezzo al bosco. Dopodiché il sentiero emerge letteralmente su una tratta panoramica mozzafiato. Nel complesso, il cammino è abbastanza agevole.

La ricompensa per chi arriva in cima è un soffice e immenso prato, dove stendersi ad ammirare la Riviera Romagnola, da un lato, e il Montefeltro, dall’altro. Dopo il meritato riposo, consiglio di proseguire e scendere fino all’Eremo della Madonna del Faggio, per concludere l’escursione prima del rientro.

ESCURSIONI NEI DINTORNI DI RIMINI AL MONTE CIPPO

∞♦∞

Informazioni pratiche.

  • PARTENZA E ARRIVO: Monte Cippo, Carpegna.
  • LUNGHEZZA E DURATA: 1 ora a tratta.
  • ACQUA E CIBO: ci sono un punto ristoro al Monte Cippo e una fontanella vicino all’eremo. Oltre a questo, il paese di Carpegna è fornito di bar, panifici, botteghe, supermercati, trattorie. Invece, ad oggi, è chiuso il rifugio dell’eremo, quindi non è possibile fermarsi a mangiare se non scegliendo di fare un pic-nic.
  • BAMBINI: i passeggini non sono utilizzabili
  • BAGNI E AREE SOSTA: al Monte Cippo ci sono aree pic-nic e bagni pubblici.
  • PARCHEGGI: gratuiti su tutta l’area del Cippo.
  • SCARPE: da trekking o anche la classica sportiva comoda per lunghe camminate.
  • DISTANZA DA RIMINI: 53km.

Claudia B.