Natale in America da film: tradizioni e curiosità

I TIPICI OMINI DI GINGERBREAD DEL NATALE IN AMERICA
Ph. Pixabay

Devo essere onesta con voi: sono un’appassionata di commedie natalizie americane e inglesi. Non posso farci nulla, le adoro e ogni anno le rivedo con piacere. È come un appuntamento imperdibile insieme a vecchi amici, con cui incontrarsi dopo dodici mesi. Nel corso del tempo, quindi, ho iniziato a nutrire numerose curiosità sul Natale in America, alle quali ho avuto la fortuna di dare una risposta grazie ad una frizzante mamma expat di nome Angela.

Lei è una grintosa e simpaticissima abruzzese, che da diversi anni vive nel New Jersey insieme al marito Pietro e al piccolo Giorgio. Da tanto la seguo sul suo profilo @lavaligiastellestrisce e, appena ne ho avuto l’occasione, ho fatto con lei una seguitissima diretta Instagram proprio sulle tradizioni e le curiosità del Natale in America.

Durante quella serata, ho finalmente scoperto nel dettaglio cosa c’è di vero nelle trame dei film natalizi americani. Dopodiché ho deciso di raccogliere tutte le informazioni e le curiosità, per condividerle in questo articolo ricco di spunti! E partire virtualmente per un tour negli Stati Uniti alla scoperta del Natale.

Ph. Pixabay

∞♦∞

Natale in America: dalla pellicola alla realtà.

I cantori di strada.

Si vedono in ogni film di Natale, spesso vestiti con abiti storici del periodo vittoriano. Nella realtà, esattamente come nelle pellicole, rallegrano le giornate di festa intonando canti tradizionali lungo le strade oppure passando di casa in casa.

La tradizione dell’accensione dell’albero di Natale in America.

Praticamente tutti conoscono la tradizionale accensione dell’albero a Rockefeller Center. Guardando i film di Natale, però, ho visto scene su scene dedicate alla cerimonia dell’accensione dell’albero. Scoprendo, grazie ad Angela, che questo è un appuntamento davvero sentito e diffuso nelle cittadine americane.

LA CERIMONIA DELL'ACCENSIONE DELL'ALBERO DI NATALE IN AMERICA
Ph. Pixabay

Illuminazioni natalizie negli Stati Uniti.

Case le cui decorazioni si possono probabilmente vedere dallo spazio; interi quartieri allestiti con migliaia di lucette e personaggi natalizi; concorsi di vicinato per l’abitazione con le luminarie più belle. Realtà o semplice copione cinematografico?

Ebbene, è tutto assolutamente reale, perché il Natale in America viene preso molto seriamente! Le illuminazioni di case e giardini costituiscono un grosso investimento monetario, tanto che qualcuno spende addirittura dai 30.000 ai 50.000$!

Uno degli esempi più noti è sicuramente Dyker Heights a New York. Questa zona di Brooklyn si veste di spettacolari allestimenti luminosi e personaggi motorizzati giganti, sin dagli anni Ottanta, attirando tantissimi visitatori per veri e propri tour delle luci!

Una tradizione, quest’ultima, che coinvolge un po’ tutti gli Stati Uniti, perché i tour in auto o a piedi per vedere gli straordinari allestimenti di quartiere sono una tradizione imperdibile.

Ph. Pixabay

Case addobbate per Natale in America.

Così come per l’esterno, anche gli interni delle case americane sono un inno alle decorazioni di Natale. Nessun ambiente viene risparmiato: ricordo un film in cui erano state decorate persino le camere da letto. Alcune case aprono i battenti ai visitatori i quali, pagando una piccolissima quota d’ingresso, possono visitarne gli interni addobbati a festa!

Dove si acquista l’albero di Natale in America.

Quante volte ho visto scene con protagonisti bambini, famiglie, amiche o coppie di innamorati, intenti a scegliere l’albero di Natale. Non in un anonimo centro commerciale, bensì tra una ricca esposizione di abeti, che ricordano una sorta di giardino delle meraviglie invernali. Ecco, in America questi spazi esistono davvero sia nelle cittadine che nelle metropoli… anche nella stessa New York.

Casette e omini di pan di zenzero...

…ma anche interi villaggi! Che Natale sarebbe in America, senza una casetta di pan di zenzero? O senza aver impastato biscotti a forma di omino, da decorare con coloratissima glassa? Ciò che si vede nelle pellicole è proprio vero. Tra l’altro si tratta di una tradizione antica, che risale al periodo vittoriano, quando le casette venivano poi messe in mostra nei salotti.

LA TRADIZIONE DELLE GINGERBREAD HOUSE A NATALE IN AMERICA
Ph. Pixabay

Quando il recital di Natale in America diventa uno show!

In America non ci sono mezze misure. Devo dire che questa massima l’ho imparata durante il viaggio in New England e gli otto giorni a New York. In più di un film ho visto la protagonista intenta ad organizzare recital della Vigilia di Natale, con lo stesso impegno che avrebbe applicato per uno show di Broadway. Dalle prove ai costumi, fino alla pubblicità dell’evento! Ebbene, pare che mettere in scena recital dedicati alla Natività, in occasione della Vigilia di Natale, sia un’usanza piuttosto diffusa in America.

Pattinaggio sul ghiaccio come quotidianità.

Non esiste film di Natale ambientato in America dove qualcuno non pattini sul ghiaccio. Moglie e marito, fidanzati, compagni di classe, amiche, madre e figlia, ragazzo e ragazza al primo appuntamento, intere famiglie: la pista di pattinaggio diventa protagonista a propria volta della pellicola. E nella realtà lo è ancora di più! Tante persone portano i pattini con sé e, appena escono dall’ufficio, vanno direttamente a pattinare con colleghi e amici! Non è un caso che le piste siano diffusissime ovunque e che non si paghi l’accesso, ma solo l’eventuale noleggio dei pattini.

I paesi del Natale in America.

Nei film sono intere cittadine che si trasformano in paese del Natale, con tanto di addobbi mozzafiato, fiere della Vigilia, mercatini a tema, eventi spalmati sull’intero periodo natalizio. Quanti ne abbiamo visti? Nella realtà, in America esistono villaggi natalizi, dove respirare un Natale delle meraviglie, incontrare Babbo Natale, vedere allestimenti da sogno e lasciarsi travolgere dalla magia. Nelle cittadine sono diffuse anche le fiere e i mercatini, un vero concentrato di allegria!

L’incontro con Babbo Natale.

Bimbi in fila che attendono il proprio turno per andare da Babbo Natale e sedersi sul suo grembo? Ma che film e film: questo accade regolarmente! In ogni centro commerciale americano che si rispetti, oppure in location appositamente allestite, bambini e genitori possono incontrarsi a tu per tu con il rossissimo Tronista dell’Avvento (Maria de Filippi docet…) e chiedergli direttamente il regalo dei sogni. Esattamente come in un film o in una favola di Natale.

Tradizioni di Natale in America.

La giornata più importante in America resta ovviamente il 25 dicembre. La Vigilia è un giorno lavorativo, di certo sentito… ma non come il Natale. La tradizione del pranzo di Natale è quindi più diffusa della cena della Vigilia, e prevede un menù molto simile a quello del Ringraziamento. La notte del 24, i bimbi preparano un piccolo spuntino per Babbo Natale e la renna Rudolph, a base di latte, mince pie -o biscotti- e carote.

Ph. Pixabay

Gift Cards e bigliettini.

Non portare un regalo ad un americano senza un bigliettino! Sì, anche in questo caso i film sono molto realistici. Non a caso ci sono interi negozi che vendono bigliettini per ogni occasione! A Natale, poi, si usano tanto anche le gift cards, ossia foto di famiglia natalizie accompagnate dagli auguri, da spedire a parenti e amici.

∞♦∞

In America il Natale è come nei film? Sì, e molto di più!

Dopo anni di commedie natalizie, ho finalmente dato risposta alla mia curiosità sul Natale in America. Con Angela che sin dall’inizio mi rassicurata dicendo: “Cla, in America è tutto tanto, tutto vero come lo vedi nei film!”. Una cosa di cui mi sono resa conto io stessa, durante il mio viaggio negli Stati Uniti… e che non mi ha deluso nemmeno sul tema Natale.

Ph. Pixabay

Mi raccomando, d’ora in poi se vi capita di vedere un film di Natale ambientato negli Stati Uniti, non liquidatelo con il classico: “Le solite esagerazioni, tutte cavolate”. Questo articolo vi dimostra che a Natale tutto è possibile… specialmente in America!

Claudia B. (tutte le foto e la copertina di questo articolo sono prese da Pixabay)