Reggia di Caserta: biglietti, orari, informazioni

GUIDA PRATICA PER LA VISITA ALLA REGGIA DI CASERTA: TUTTE LE INFORMAZIONI

Questa è una guida pratica per organizzare in autonomia la visita alla Reggia di Caserta. Vi darò tutte le informazioni su dove acquistare i biglietti -con relativi costi e orari- cosa vedere in un giorno, cosa non perdere negli immensi giardini e dove cercare parcheggio gratis. Insomma, un ricco vademecum che potrete usare per esplorare uno dei siti borbonici più spettacolari d’Italia.

Per me Caserta è stata la penultima tappa di ritorno dal viaggio tra Bomarzo, Pompei, Capri e Costiera Amalfitana, prima di proseguire verso i Castelli Romani. Nonostante fosse agosto, ho pianificato la visita all’ultimo momento, acquistando online i ticket solo qualche ora prima dell’arrivo. Adesso vi racconto tutto!

∞♦∞

Quanto costano i biglietti per la Reggia di Caserta e dove acquistarli.

Vi dico subito una cosa importante: i biglietti per la Reggia di Caserta sono disponibili solo online, in quanto la biglietteria in sede è completamente sospesa. Dal sito ufficiale della Reggia, si viene rimandati al portale TicketOne, sul quale è possibile selezionare la data e la fascia oraria in base alle proprie preferenze (e disponibilità!).

Il costo del servizio prevede una maggiorazione di 1€ sul prezzo totale. Oltre ad utilizzare carte di credito e di debito, potete pagare anche tramite circuito PayPal. Terminata la procedura, si ricevono la conferma e il ticket online da mostrare all’ingresso su Piazza Carlo di Borbone, dove è obbligatorio presentarsi all’orario stabilito per non creare assembramenti.

Ecco il costo dei biglietti della Reggia di Caserta:

  • 14 €, intero parco reale, giardino inglese, appartamenti reali;
  • 9 €, intero parco reale e giardino inglese;
  • 10 €, intero appartamenti reali (acquistabile solo quando il parco reale è chiuso);
  • 3 €, biglietto serale appartamenti reali (acquistabile dalle ore 17);
  • 2 €, riduzione parco e appartamenti per cittadini UE 18-24 anni compiuti;
  • gratuito parco e appartamenti per i minori di 18 anni e aventi diritto ad agevolazioni.

Attenzione: il sistema prevede anche la voce “ingresso gratuito”, un’opzione che vale solo per alcune categorie di persone. Ho visto turisti invitati ad accomodarsi fuori (giustamente) dal personale, per rifare dall’inizio il processo d’acquisto in quanto avevano selezionato una gratuità che non gli spettava. Basta un attimo per lasciarsi tentare da un omaggio non utilizzabile e perdere tempo inutilmente.

∞♦∞

Orari di apertura della Reggia e dei giardini.

Gli appartamenti, il parco reale e i giardini inglesi della Reggia di Caserta hanno orari di apertura diversi, ben coperti da tutte le fasce orarie di visita. Il mio consiglio è quello di optare per un biglietto ed un orario che includa tutti e tre i siti, che sono imperdibili allo stesso modo.

Apertura degli appartamenti reali.

  • Da lunedì a venerdì, chiusi sabato, domenica e festivi;
  • dalle 9:30 alle 19:30;
  • ultimo ingresso ore 19:00;
  • uscita entro le 19:25.
BIGLIETTI E VISITA AGLI APPARTAMENTI REALI DELLA REGGIA DI CASERTA

Apertura del parco reale.

  • Da lunedì a venerdì, chiuso sabato, domenica e festivi;
  • gennaio, 8:30 – 16:00;
  • febbraio, 8:30 – 16:30;
  • marzo, 8:30 – 17:00;
  • da aprile a settembre, 8:30 – 19:00;
  • ottobre, 8:30 – 17:30;
  • novembre e dicembre, 8:30 – 15:30​.
PARCO REALE REGGIA DI CASERTA

Apertura del giardino inglese della Reggia di Caserta.

  • Da lunedì a venerdì, chiuso sabato, domenica e festivi;
  • gennaio, 8.30 – 15:00;
  • febbraio, 8.30 – 15:30;
  • marzo, 8.30 – 16:00;
  • da aprile a settembre, 8.30 – 18:00;
  • ottobre, 8.30 – 17:00;
  • novembre, 8.30 – 15.00;
  • dicembre, 8.30 – 14.30.
GIARDINO INGLESE DELLA REGGIA DI CASERTA

∞♦∞

Dove parcheggiare gratis alla Reggia di Caserta.

Esattamente come Pompei, anche la Reggia di Caserta non ha parcheggi per i visitatori, pertanto è necessario cercarne di esterni. Vi dico subito che parcheggiare gratis alla Reggia di Caserta non è un’impresa facile. Io ci sono riuscita ma, con tutta onestà, si è trattata di una stratosferica botta di cubo! Nel tentativo di raggiungere un garage custodito a pagamento, ed evitare la ZTL, mi sono ritrovata in Via Fratelli Rosselli dove ho trovato un posteggio gratis libero. Secondo me vale la pena fare un tentativo e vi lascio la geolocalizzazione.

Tenete conto di un fattore importantissimo: da questo punto della città, servono dai 15 ai 25 minuti di camminata per raggiungere l’ingresso della Reggia. Considerando che i biglietti hanno tutti un’orario preciso di entrata, non sottovalutate tale tempistica!

Per quanto riguarda parcheggi e garage custoditi, ammetto di aver letto tante recensioni contrastanti. I prezzi sono tutti alti, credo si aggirino sui 20€ al giorno. Un’alternativa sono le righe blu da Via Giuseppe Maria Bosco in poi, ossia la grande strada su cui arriva Via Fratelli Rosselli. In questo modo, se non doveste trovare posti gratis liberi, potrete evitare di cercare garage coperti e perdere altro tempo. Il solo neo, è che si tratta di un parchimetro, quindi è necessario calcolare bene, molto bene, il tempo di visita alla Reggia e ai giardini. Un consiglio? Non meno di 6/ 7 ore.

∞♦∞

Cosa vedere in un giorno alla Reggia di Caserta.

In base all’orario segnalato sul biglietto, la visita alla Reggia di Caserta inizia dai sontuosi appartamenti reali. Gli accessi sono contingentati anche nei saloni, per garantire a tutti di fruire in sicurezza di ogni ambiente e dettaglio. E compiere un piacevole viaggio all’interno dell’opulenta residenza voluta da Carlo di Borbone, il quale affidò il progetto a Luigi Vanvitelli nel 1752. Anche se fu il figlio di questi, Carlo, che portò a termine l’opera nel secolo successivo.

Da appassionata quale sono di residenze storiche, ne ho ammirate tante durante la mia carriera di viaggiatrice. In tutto il mondo! Ma pochi edifici possono competere con la Reggia di Caserta.

Vi suggerisco di scaricare l’App di visita, per scoprire curiosità e particolari sui saloni e sugli esterni.

Per quanto riguarda i giardini, infatti, ci si rende subito conto di essere al cospetto di un grandioso parco che sembra non avere fine. Il solo viale principale, ad esempio, è un colosso architettonico di 3km, un itinerario che a me piace definire Via Crucis artistico-paesaggistica. Magari sarò in odore di scomunica, ma non c’è altro modo di descrivere il percorso che parte dall’immensa Fontana Margherita per raggiungere, tappa dopo tappa, tutte le fontane del parco costeggiando la romantica “Via d’Acqua”.

La Fontana dei Delfini, la Fontana di Eolo -capolavoro di grotte e giochi d’acqua- la Fontana di Cerere, le Cascatelle e la Fontana di Venere e Adone, la Fontana di Diana e Atteone, sopra cui si erge la Grande Cascata, vanno omaggiati da vicino per rendersi davvero conto della meraviglia che ha peregrinato attraverso i secoli, arrivando fino a noi.

Lungo il cammino vale la pena fare una deviazione all’edificio della Castelluccia, uno dei luoghi di divertimento dei giovani Borbone, con canali navigabili alimentati dalla vicina Peschiera, ameni ponticelli e persino un chioschetto cinese.

All’interno del parco reale della Reggia di Caserta, c’è una vasta area riservata al giardino inglese. L’ingresso si trova accanto alla Cascata Monumentale. Sono svariati i punti d’interesse tra i quali: cascate, finte rovine di origine ottocentesca, vecchie serre decadenti -ma molto affascinanti- l’incredibile Bagno di Venere, ossia un ammaliante giardino segreto con un criptoportico da cui godere di pittoreschi scorci su giochi d’acqua e riflessi.

∞♦∞

Come visitare i giardini della Reggia di Caserta.

Per chi non se la sentisse di affrontare a piedi il lungo percorso lungo la Via d’Acqua dalla Reggia di Caserta al giardino inglese, esistono due alternative: la bicicletta a noleggio, oppure il bus.

Vi dico onestamente che secondo me la passeggiata resta il modo migliore di approcciarsi alla visita, in quanto è l’unico per non perdere nemmeno un punto di interesse. Anche in piena estate, poi, i viali laterali alberati che costeggiano la Via d’Acqua danno la possibilità di camminare all’ombra.

Per quanto riguarda la bici a noleggio, penso sia un’opzione da valutare in primavera o in autunno. Sicuramente divertente, ma meno agevole di un’escursione a piedi, sia per il lievissimo dislivello sia perché, al contrario della passeggiata, non ci sono zone d’ombra sotto cui pedalare. Personalmente, poi, trovo abbastanza scomode le soste fotografiche che impongono di scendere e rimontare in sella a più riprese. Vi lascio comunque qualche informazione:

  • noleggio bici 4€/ ora;
  • noleggio bici con pedalata assistita 6€/ ora;
  • sono disponibili seggiolini omologati per bambini fino a 15kg.
COME VISITARE I GIARDINI DELLA REGGIA DI CASERTA

Il bus trasporto parco, parte proprio di fronte alla porta di accesso al parco reale della Reggia di Caserta ed è un comodo collegamento fino al giardino inglese. Le uniche pecche sono la fila sempre lunghissima e l’ovvia impossibilità di visitare tutte le bellezze che il parco riserva. Di seguito le informazioni:

  • costo a/r 2,5€.

Mentre visitate la Reggia di Caserta ricordatevi qualche regola fondamentale a cui attenervi. Lasciate alle spalle il presente, estraniatevi da tutto. Nel momento in cui iniziate a salire lo scenografico scalone d’onore settecentesco, permettete allo straordinario di trascinarvi fuori dalla quotidianità. Smettete simbolicamente i vostri abiti, per venir risucchiati da un vortice di sete, merletti, broccati. Solcando i pavimenti degli appartamenti del settecento e dell’ottocento, sentitevi protagonisti del passato. La fantasia non dovrebbe mai avere limiti e, davanti a certi spettacoli, ha il diritto di volare a ruota libera per portarvi oltre l’infinito.

La logica vi porterà da A a B. L’immaginazione vi porterà dappertutto.

Albert Einstein

Claudia B.