“Il Roseto Country House”, soggiornare ad Assisi tra panorami ed atmosfere

PRINCIPESSA PER DUE GIORNI

Immaginate la bruma autunnale. Immaginate l’aria impregnata di intense fragranze olfattive. Immaginate i colori dalle mille tonalità bronzee, pronti su una tavolozza da cui, Madre Natura, attingerà per dipingere i paesaggi. Immaginate anche i borghi che si svuotano, i ritmi che rallentano e, ogni panorama, che assume tratti sfumati, come se l’Universo volesse alleggerire il carico di emozioni, protagoniste del periodo estivo. Non trovate sia stupendo, viaggiare in questo momento dell’anno? Quando le atmosfere sono così ricche, da colpire direttamente la fantasia? Da tale idea è nato il progetto “Umbria d’Autunno”, con il quale abbiamo scoperto una struttura ricca di fascino ed atmosfera, in cui soggiornare ad Assisi: “Il Roseto Country House”.

Arriviamo presto a destinazione, in una soleggiata mattinata autunnale. Una di quelle giornate perfette, terse e tiepide, che promettono di catapultarti direttamente in un acquerello. Ci attendono due giorni da sogno, da trascorrere in questa struttura stupenda, che sarà nostro campo base, per visitare i borghi umbri.

#UMBRIADAUTUNNO

“Il Roseto Country House”, si trova alle porte di Assisi. Visitando il sito web, ci eravamo resi conto che godesse di una posizione da dieci e lode…ma, una volta qui, restiamo a bocca aperta. Oltre ad essere un’elegante country house, curata nei minimi dettagli, “Il Roseto” è una terrazza riservata su Assisi!!! Con lo sguardo, possiamo abbracciare l’intera sagoma della bellissima cittadina umbra, che sorge alle pendici del Monte Subasio.

Insomma, “Il Roseto” è il luogo perfetto in cui soggiornare ad Assisi, sia per visitarne il centro storico (ne ho scritto qui), sia per partire alla scoperta dei dintorni. Ed è esattamente questo, il progetto che io e Daniele abbiamo in mente!

IL GIARDINO DE “IL ROSETO”

∞♦∞

Dove soggiornare ad Assisi.

Massimo e Rosita, i due amorevoli gestori de “Il Roseto Country House”, ci accolgono con grande cortesia, nonostante la voglia di partire, ci abbia fatti arrivare qui con un’ora di anticipo!

BENVENUTI A “IL ROSETO”

Massimo ci accompagna in quella che sarà la nostra stanza, anche se chiamarla così è riduttivo. Vi giuro che oggi, mi sento veramente Kate Middleton…ma senza il principe William perché, nonostante il suo innegabile fascino, si sta stempiando alla velocità della luce (e somiglia sempre più a suo zio Andrew 😏). Se proprio devo scegliere, tengo la seconda metà del blog, che ha ancora una discreta zazzera di capelli.

“IL ROSETO” CI ACCOGLIE COSì…
…FRA STUPORE E INCANTO…

Entriamo in una grandiosa suite, vasta e accogliente. Sia io che Daniele tratteniamo il fiato: sembra di vivere un sogno. Un’ampia mansarda, arredata con gusto e attenzione per i dettagli. Pulitissima, come piace a me (che sono oggettivamente maniaca), con tessuti e decorazioni di artisti locali. Ci innamoriamo subito di questo ambiente così caldo, dove c’è anche una piccola ed ospitale area salotto, una zona scrittura…ed un solarium privato!

Giuro, non crediamo ai nostri occhi, quando Massimo apre la finestra che porta in terrazza. Un gazebo per ripararsi dal sole estivo, tavolo, sedie, sdraio e poi lei, Assisi, che da quassù possiamo ammirare con un posto in prima fila, accecando gli occhi di bello!

Per non parlare del giardino perfettamente curato de “Il Roseto”, che incornicia l’intero quadro.

Rientriamo perché ci aspetta un’ultima sorpresa. Avete presente quando credete di aver ormai visto tutto, per cui la Kate Middleton che è in voi, sta già pensando che è il momento di andare a posare i propri piedini, sull’erba soffice del giardino? Ecco, è lì che arriva il colpo di scena. Quello della meraviglia assoluta. Perché tu, ragazza di provincia destinata a diventare principessa (visto che metafora 😉?), stai per scoprire che esistono bagni grandi quanto casa tua. Bagni che hanno vasca idromassaggio, doccia, doppio lavabo e, vabbè diciamolo, persino il televisore!

Una coccola assoluta “Il Roseto Country House”. Che ci fa subito provare un senso di serenità, come solo i luoghi gestiti con estremo amore ed attenzione, sanno fare.

∞♦∞

Soggiornare ad Assisi, in un luogo che è memoria storica dell’accoglienza.

Mangiare e soggiornare ad Assisi con qualità, non è proprio facile. Bellissima ed ancora rappresentazione perfetta del passato, Assisi è anche una città molto turistica, dove l’offerta è di certo alta ma, della qualità, non si può sempre dire la stessa cosa. Scoprire una struttura come “Il Roseto Country House”, memoria storica dell’accoglienza qui ad Assisi, è stata veramente una grande fortuna. È la mamma dell’attuale proprietario, Massimo, che iniziò ad ospitare turisti cinquant’anni fa, aprendo ad Assisi la prima attività di affittacamere!

Massimo e sua moglie Rosita, hanno col tempo trasformato “Il Roseto”, in un’incantevole country house, lavorando con impegno e dedizione, per rendere casa loro un posto indimenticabile. E a mio avviso, ci sono riusciti.

La capacità di mettere gli ospiti a proprio agio, con grande simpatia ed amicizia, sono indispensabili quando si gestisce una struttura così elegante, ricercata e di charme. Credetemi, non è una cosa scontata! Quante volte, capita di soggiornare in luoghi incredibilmente belli, ma talmente formali che ti mettono a disagio? A “Il Roseto”, invece, è come arrivare in famiglia.

Francamente, anche se so di apparire un pò provincialotta, per me il rapporto umano ha ancora un grosso valore. E anche l’atmosfera che si percepisce tra gli ambienti. Perché di rado questa può mentire. A “Il Roseto Country House”, da Massimo e Rosita, non mancano né l’uno, né l’altra. Sono così radicate, da poterle percepire sulla pelle.

LASCIATEMI QUI!!!

Soggiornare ad Assisi, in una tale sensazione di benessere, ritengo sia un grande valore, perché quando ripenserò a questo viaggio, la prima cosa che colpirà la mia mente, sarà una sensazione di avvolgente benessere.

∞♦∞

Dove mangiare ad Assisi.

Soggiornare ad Assisi, significa anche incontrare la gastronomia locale, fatta di sapori genuini, prodotti del territorio e semplicità. “Il Roseto Country House”, oltre che struttura ricettiva di pregio, è anche un ristorante divino. Tutte le pietanze, vengono preparate con amore e sapienza da Rosita. Cibi che raccontano passione, che narrano l’Umbria e fanno esplodere nel palato mille sapori indimenticabili.

Entriamo nella sala ristorante, dopo una giornata di visite piacevoli ed un epico momento di relax, nella nostra vasca idromassaggio! E qui, smettiamo di respirare. Calda, romantica, arredata con gusto e sentimento, la stanza è allietata da una dolce musica in sottofondo, fuoco nella stufa, tavoli apparecchiati ad arte. Dalle immense vetrate, il panorama sul giardino e su Assisi, illuminata come un presepe, attira immediatamente lo sguardo. Lo calamita!

Eppure, la cena preparata da Rosita e servita da Massimo, non passa assolutamente in secondo piano. Ogni piatto, cucinato con affetto e sapienza, va ad esaltare la perfezione del momento. Prodotti di grande qualità, a km0, che rappresentano il territorio: qui si mangia con verità.

Iniziamo dall’antipasto di melanzane, bruschette con olio nuovo e un tortino di patate, broccoli e miele d’acacia. Proseguiamo con un primo piatto, a base di sofficissimi gnocchi al tartufo. Per secondo, filetto di maiale con riduzione di aceto balsamico pere e noci, sale affumicato e un filo di olio umbro. Infine, un delizioso tiramisù alla lavanda, dal sapore davvero delicato.

Accompagniamo il tutto con vini della casa: uve umbre, che vengono acquistate appositamente per creare questi splendidi nettari, tutti con riconoscimenti DOP, DOC, DOCG.

Per concludere la serata, ci concediamo una piacevole chiacchierata con Massimo e Rosita. Mentre fuori, Assisi splende nella notte. Scena di una bellezza struggente, che è fotocopia del passato, perché nulla qui è cambiato a livello urbanistico rispetto a cinquant’anni fa. Ne è testimonianza anche la foto d’epoca, che ci mostra Rosita, in cui un Massimo ancora bambino, gioca sulla strada accanto alla proprietà di famiglia, che oggi ospita “Il Roseto”. Ogni cosa è identica, immobile, fermo immagine di un tempo che non c’è più.

A colazione, la saletta in cui veniamo accolti è un piccolo, adorabile bozzolo pieno d’atmosfera. Arredi caldi, una credenza che sembra quella della mia casetta delle bambole, piena zeppa di torte fatte in casa da Rosita! Una festa per la gola…ma anche per gli occhi. Attorno a noi vi sono delle nicchie, contenenti le opere create da Rosita: gioielli e ceramiche dipinte a mano, con le quali racconta l’Umbria, nello stesso modo in cui lo fa attraverso i suoi manicaretti.

∞♦∞

Dove soggiornare ad Assisi per visitare la città e i suoi dintorni.

“Il Roseto Country House” è perfetto per visitare Assisi, Santa Maria degli Angeli e i borghi limitrofi. Da qui, si raggiungono con comodità, la bellissima Spello, la pittoresca Rasiglia (nostre tappe durante il progetto “Umbria d’Autunno”), Marsciano con i suoi adorabili paesi e romantiche colline (ve ne parlerò in seguito). Ma, a breve distanza, si trovano anche Perugia e il Lago Trasimeno. Senza dimenticare angoli di autentica bellezza, come Bevagna e Montefalco. Tutto nel raggio di pochi chilometri, percorribili con le superstrade. Oppure, con panoramiche ed imperdibili tratte collinari.

∞♦∞

Soggiornare ad Assisi a “Il Roseto Country House”.

Questa dimora ricca di fascino ed eleganza, ma gestita in maniera davvero amichevole, è la location ideale per i viaggiatori che amano scoprire il territorio. Ma anche per tutti coloro, che cercano un personale angolo di paradiso. Di benessere e gusto.

Nel corso della bella stagione, si può approfittare del vasto giardino e della piscina con panorama su Assisi. E dei tanti eventi proposti da Massimo e Rosita, come ad esempio la cena a base di lavanda, con un ricco menù dedicato, durante il periodo della raccolta! E, dopo aver sperimentato la delicatezza del tiramisù alla lavanda di Rosita, posso dire che mi si mi è spalancato un universo a livello di sapori!

Non mancano mai serate a tema, sia come presentazione delle produzioni territoriali, sia in occasione di sfilate di moda, ed esposizioni d’arte, in un connubio tra cibo, vino e creatività.

“Il Roseto Country House”, è perfetto per banchetti, matrimoni, cerimonie: lo spazio mozzafiato, la bellezza degli arredi e dei panorami, lo rende il luogo ideale, in cui vivere una giornata speciale.

Rosita organizza anche corsi di cucina. Io ammetto che ho tentato di corromperla (leggete: rapirla), per portarla a casa con me. Dopo aver gustato i suoi capolavori culinari, è stato difficile tornare alla vita normale. Se vi chiedete per quale motivo non le abbia chiesto di insegnarmi qualche trucco, vi rispondo che l’ho fatto per il bene della struttura. Dove io arrivo fingendomi Gordon Ramsey, succede un naturale finimondo!

∞♦∞

“Il Roseto Country House”: informazioni.

“Il Roseto” si trova in Via Patrono d’Italia 77, tra Santa Maria degli Angeli ed Assisi, sulla diretta che porta fino in città. Nonostante la posizione centrale, qui si gode di grande pace, silenzio, tranquillità.

Per informazioni, pacchetti, prenotazioni, potete:

Claudia B., in collaborazione con “Il Roseto Country House”

“Umbria d’Autunno”, è un progetto di “Voce del Verbo Partire-Travel Blog di Claudia Barbieri”

22 Commenti

  1. Il Roseto Country House non ha nulla da invidiare ai grand hotel. Bellissima la stanza mansardata. Ma poi che panorama su Assisi uscendo fuori in giardino <3 Se entrassi lì dentro, credo che dimenticherei di visitare Assisi. Chi mi farebbe uscire più!

    1. Devo dirti, Andrea, che è stato difficile lasciare quel piccolo paradiso, nonostante la voglia di visitare i borghi umbri!
      In effetti, “Il Roseto”, mi ha ricordato le residenze eleganti del passato, dove ancora contava tutto, dall’atmosfera alla qualità dei servizi, al rapporto con i clienti. E mi sono sentita ‘principessa’ proprio per questo 🙂
      Un abbraccio,
      Claudia B.

  2. Già dalle foto che avevo visto su Instagram questa country house sembrava una favola, dopo aver letto il tuo articolo ne sono completamente innamorata! E che vista su Assisi poi, un sogno! Comunque se vuoi fare la modella dillo eh, hai preso delle pose chic proprio niente male signorina. Per non parlare di Daniele, che è diventato un fotografo provetto. Devo mandare Pavel a lezione da lui mi sa… Un bacio!!

    1. Ma che modella??? Un carciofo in posa! Mi sono immolata per il bene del blog, anche se davanti alla specchiera mi stavo davvero passando il mascara 😂!
      Devo dire che mi diverte molto questa parte di lavoro, pur nella mia ‘carciofità’: una delle cose che amo è metterci la faccia, in modo tale da rendere più casa ogni luogo, per chi legge i post! Nel senso che spero arrivi il senso di benessere, che io stessa provo in quei momenti.
      Le sensazioni meravigliose, che ci hanno accolto ed accompagnato durante i due giorni a ‘Il Roseto’, penso siano davvero speciali, persino difficili da definire.
      Riporto i complimenti a Daniele! Un abbraccio,
      Claudia B.

  3. Ma come Zio Andrew? Poverooooo! Cmq guà che Daniele è proprio bravo a fare le foto e tu stai proprio diventando un’ottima modella!
    Il posto è bellissimo e quel panorama… mi fa pensare alla sagoma di Locorotondo.
    E dici bene che questo è un bellissimo periodo per viaggiare. Mi duole alla testa solo il fatto che diventi buio presto.

    1. Il buio mi abbatte, non farmici pensare… 🙁 E’ la sola cosa brutta di questo periodo, altrimenti colori ed atmosfere, sarebbero davvero perfetti!
      Sai che non ci avevo fatto caso, al fatto che da lontano Assisi sembra una Locorotondo senza calce? Fantastico, tu hai l’occhio lungo 🙂
      Troppo buona Tiziana, io come modella sono un carciofo, il merito della buona riuscita delle foto è de “Il Roseto”. Hai visto che ambienti bellissimi? Un posto speciale, dove ci si sente coccolati e a proprio agio!
      Passo il complimento a Daniele che apprezzerà!
      PS: zio Andrew è stempiatello, bisogna dirlo, ahahahahah…
      Baci,
      Claudia B.

    1. C’è davvero tutto! E’ stato un pò come avere una Spa privata, con trattamento esclusivo. La mansarda così ampia e accogliente, è una vera chicca. Francamente amo molto anche io questa tipologia di stanza. Al contrario tuo sono bassina…praticamente arrivo ovunque!
      Un’esperienza stupenda Cristina, “Il Roseto” è meraviglioso. Ha tutto ciò che serve per donarti un soggiorno indimenticabile.
      Baci,
      Claudia B.

    1. Se funzionasse il teletrasporto, lo userei subito…da quando siamo tornati, vado sempre lì con la mente. Non ti nego che stavo valutando una fuga pre-natalizia a “Il Roseto”, per vedere i presepi sparsi nei borghi umbri 🙂
      Ti garantisco che la struttura permette davvero di rilassarsi e coccolarsi, come capita di rado!
      Bacioni,
      Claudia B.

  4. Eccomi! ^_^ Posto che hai descritto questa struttura con una splendida galleria a mo’ di shooting fotografico, ti confesso che sono di parte perchè l’Umbria è la mia regione d’origine e spesso ci torno per trovare i parenti rimasti. Anche io adoro viaggiare in autunno (al secondo posto subito l’inverno)…ma quando si becca una palette di colori simili durante il resto dell’anno dai!? *_* E poi vogliamo parlare dei sapori…e dell’OLIO umbro? 😛 Quel maialino in salsa sembra parlare hahahha 😀 E comunque segno assolutamente questo posticino, non mi va di dormire sempre a casa dei parenti! 😉
    E quindi l’altra metà del blog è stata promossa al rango di “principe consorte” 😀

    1. Esatto! E deve quindi camminare dieci passi dietro di me!!! Ed entrambi dobbiamo stare venti passi dietro Voce del Verbo Partire, che ci comanda tutti a bacchetta 😉 !
      Tu sai che amo alla follia la tua regione, ormai penso di averlo rivelato senza ombra di dubbio. Ma, pensa, è la prima volta che la visito in autunno. Mi credi se ti dico che è stato un momento incredibile? Perché hai ragione, quando mai si trovano colori simili? E le atmosfere?
      A “Il Roseto”, poi, è stato come se ogni sensazione avvolgente, fosse amplificata.
      Ho veramente vissuto attimi di magia. Non dimenticherò mai i sapori, gli ambienti, l’emozione di stupirmi ad ogni istante 🙂
      Un abbraccio Dani!
      Claudia B.

  5. Bellissima location Claudia! ❤
    Adoro le strutture dove sentirsi coccolati e soprattutto se hanno una vista pazzesca come il Roseto. Ho visto le stories e l’atmosfera era sempre più bella. Quando ho visto il tiramisù alla lavanda mi sono venuti gli occhi a cuoricino!!
    A volte un hotel incide tantissimo sulla buona riuscita di un viaggio, sentirsi una principessa è esattamente quello che ci vuole!
    Un abbraccio

    1. Incide eccome…ricordo casi eclatanti di hotel che sono stati veri incubi per me! Un giorno ci scriverò un post!
      Quel tiramisù alla lavanda di Rosita, era di una bontà indescrivibile. Perché il sapore della lavanda si sente, ma con una delicatezza che tu non penseresti, considerando che la lavanda ha un profumo così incisivo.
      Sai che è stato bellissimo soggiornare a “Il Roseto”? Mi ha stregato…e posso garantire che via web, rende solo parzialmente l’incantesimo di trovarsi lì!
      Un abbraccio Silvia,
      Claudia B.

  6. Me lo salvo nella lista delle “cose da fare e da vedere” perché è da tanto che voglio tornare in Umbria!
    Quando sento qualcuno dire che l’albergo in viaggio è relativo “perché tanto ci vai solo a dormire” non ce la faccio a essere d’accordo al 100%, perché quando ti trovi in una struttura come questa dove ti senti una principessa e non vorresti più andartene, allora fa la differenza. Se arrivo in un posto e l’albergo mi piace, allora sono già più ben disposta. Per esempio mi è capitato a Parma di arrivare in un albergo che mi ha molto delusa, e già questa cosa mi ha messa di cattivo umore 😉
    E tutto quel cibo, Claudia, sto morendooooo!

    1. Se solo potessi far sentire via web, sapori e profumi!!! Peccato che ancora manchi questa funzionalità di WordPress, non finirò mai di dirlo.
      Come darti torto? Anche se in un posto vai solo a dormire, ma quell’ hotel non ti mette a tuo agio, ti rovina sul serio l’intera percezione del viaggio! È successo anche a me, più di una volta, se devo essere sincera. Ricordo un caso in particolare, in Valle d’Aosta, terrificante…un incubo! Guarda non esagero, ha compromesso l’intera riuscita del viaggio.
      Quando poi trovo posti così speciali come “Il Roseto”, a me si spalanca il cuore. Mi danno un tale benessere, che alla fine ogni istante si ferma nella memoria.
      Un abbraccio,
      Claudia B.

  7. Ma che meraviglia, Claudia!
    Mi hai ricordato un hotel in cui ero stata tempo fa, sempre in Umbria, a inizio autunno. Avevo fatto colazione in giardino, circondata dalla pace della campagna. Non ricordo il nome della struttura, ma mi sono rimasti impressi i dettagli… le sensazioni, soprattutto. Ecco perché amo i posti così: un luogo come Il Roseto non ospita solo per la notte o per una cena, ma regala emozioni. Ricordi. Mi piacerebbe tantissimo andarci. E devo dire che l’Umbria è davvero ricca di angoli speciali 🙂

    1. Sono le sensazioni che, alla fine di un viaggio, restano ancorate alla memoria. Le impressioni, il benessere ed il senso di coinvolgimento, che quell’esperienza ci ha lasciato.
      Mentre vivevo queste giornate a “Il Roseto”, mi sono resa conto che sarebbe rimasto sempre nella mia mente. Hai presente quella sorta di sogno ad occhi a aperti, che ti coccola nel tempo, anche quando hai una giornata no? Ecco, questo per me è un grande valore 😊!
      Un abbraccio,
      Claudia B.

    1. La penso come te Chiara. Tornare in Umbria è sempre un piacere e, ad essere onesti, anche una continua scoperta. Riesce sempre a donare nuove emozioni e luoghi!
      Ad esempio scoprire una struttura come “Il Roseto”, è stato l’equivalente di un sogno diventato realtà. E, grazie alla posizione centrale, abbiamo visitato dei borghi molto pittoreschi!
      A presto,
      Claudia B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *