Weekend in Umbria: borghi della Valtiberina

WEEKEND IN UMBRIA IN VALTIBERINA
MONTONE

Ho scoperto con gli anni che nulla di meglio di un viaggio, lungo o corto non importa, ha la capacità di curare le ferite. Così, complice un’offerta trovata per caso online, ho deciso di regalarmi un weekend in Umbria, alla ricerca di relax, buona cucina… e borghi! Eh sì, perché quella per i piccoli centri dell’Italia, resta sempre una delle mie passioni più grandi. Questo fine settimana, ho scelto la Valtiberina. Un’area dall’anima selvaggia, che l’Umbria condivide con la Toscana e, in parte, anche con l’Emilia Romagna.

Corrisponde all’Alta Valle del fiume Tevere il quale, per un gioco di prestigio di Mussolini (leggete: spostamento di confini) nasce proprio in Emilia Romagna, sul Monte Fumaiolo e attraversa il centro Italia prima di raggiungere Roma. Dopo aver esplorato la Valtiberina Toscana in moto, visitato Anghiari, Città di Castello e, ovviamente, le sorgenti del Fiume Tevere, ho pensato di approcciarmi lentamente anche alla parte umbra, partendo da questi due giorni. Seguirò un programma leggerissimo: mi fermerò nei borghi di Monte Santa Maria in Tiberina e Montone, dopodiché mi rilasserò in agriturismo, un’incantevole struttura ricavata da un antico castelliere.

MONTE SANTA MARIA TIBERINA

∞♦∞

Dove andare per un weekend in Umbria: Monte Santa Maria Tiberina.

Attraverso una strada immersa nel verde, guido fino al colle su cui sorge Monte Santa Maria Tiberina. Un’oasi di silenzio, abbracciata da boschi di castagni, lecci e faggi. Ho quasi l’impressione di arrivare alla fine del mondo, lontana da tutto. La tradizione e la natura, qui, si uniscono dando vita ad un borghetto incantevole con affacci d’arte.

WEEKEND IN UMBRIA COSA VEDERE

Varco Porta Santa Maria, l’antico accesso della città, ed è come fare un passo verso l’antichità. Ritrovo tutto ciò che mi aspettavo da questo weekend in Umbria: pace, bellezza medievale e un numero di persone che si conta sulle dita di una mano. Soprattutto cullo i miei occhi con scorci visivamente melodiosi, dove la pietra si staglia contro il verde della natura.

Le decorazioni floreali delle case, si contendono l’attenzione con i coperchi dei contatori… splendidamente decorati! Praticamente seguo un itinerario tra queste opere d’arte, che rappresentano scorci di vita paesana e ambientazioni legate al territorio. Monte Santa Maria Tiberina non smette di stupire: nel suo essere piccola e intima, racchiude tanta cultura.

Mentre arranco per le ripide stradine, scopro splendidi palazzi che non ci si aspetterebbe di trovare in un borgo. Dalla Pieve di Santa Maria al Monte, inizia una serie di edifici che sfociano sulla piazza alta, circondata dal sontuoso Palazzo Bourbon del Monte e dal Castello del XVI secolo. Sono sola, eppure è come se fossi circondata dalle ombre di antiche anime, incredibilmente vive nel cuore di questo affascinante feudo imperiale…

DOVE ANDARE PER UN WEEKEND IN UMBRIA: VALTIBERINA

∞♦∞

Montone, “borgo più bello d’Italia”.

Risalgo in auto per raggiungere Montone. Come Monte Santa Maria Tiberina, si trova nei dintorni di Città di Castello e ad una quarantina di km da Perugia. Il tempo varia alla velocità della luce, in questo fine settimana. Ma sono abbastanza fortunata e, durante le visite, riesco ad evitare la pioggia. Arrivo nel bellissimo paese medievale e me ne innamoro all’istante, scoprendo che Montone è qualcosa di più di un borghetto sonnolento… Ha ancora tutte le caratteristiche (e le dimensioni!) del feudo del X secolo e della Contea del XV secolo.

COSA VEDERE A MONTONE DURANTE UN WEEKEND IN UMBRIA

I ruderi della Rocca di Braccio, sono un bel teatro a cielo aperto con una visuale d’autore sulla Valtiberina. La passeggiata nel centro storico si fa via via più interessante. Un percorso conoscitivo che è anche un momento di introspezione: una sorta di cammino personale nella quiete architettonica, che si riversa nell’anima. Le casette di pietra, i portoncini colorati e le decorazioni floreali che stanno lentamente riacquistando il vigore primaverile, sono una cartolina che si imprime negli occhi. Per arrivare, con delicatezza, ad abbracciare lo spirito.

Ma Montone vanta anche alcune curiosità! Come l’ex Chiesa di Santa Croce, che oggi è un inusuale ufficio postale! Oppure la presenza di una reliquia importantissima: la Santa Spina, portata a Montone da Carlo Fortebracci e conservata con amore dalle suorine del Convento di Sant’Agnese. Ogni anno viene esposta la penultima domenica di agosto e festeggiata con un’importante rievocazione storica, patrocinata persino dall’Unesco! Un motivo in più per tornare a Montone e trascorrere un weekend in Umbria tra atmosfere medievali.

Nel frattempo visito la Collegiata di Santa Maria, la cui facciata austera nasconde un capolavoro artistico. Il soffitto a cassettoni, la Cappella delle Suore che collega la chiesa al Monastero delle Clarisse. dove viene conservata la Sacra Spina, le tele che narrano episodi della vita della Vergine e dei Santi. Ma, soprattutto, è l’atmosfera ad essere speciale qui dentro. Se dovessi definirla, direi che è luminosa!

Proseguo la mia passeggiata salendo verso la parte alta del borgo di Montone. La Torre con le prigioni e la piazza giardino, aprono le danze su di uno spettacolo fatto di villette che ricordano la perfezione di un villaggio in miniatura, ed ampi panorami pittorici. Arrivo alla Chiesa di San Francesco, oggi sede museale. Purtroppo trovo tutto chiuso e il chiostro troppo rimaneggiato, per i miei gusti. Però il porticato esterno e il giardinetto su cui si apre la facciata, sono deliziosi. Un punto panoramico da cui si osserva la vita placida del borgo e il modo in cui i colori mutano nella valle, al passaggio delle nuvole…

∞♦∞

Dove trascorrere un weekend in Umbria nei dintorni di Città di Castello.

A metà pomeriggio arrivo in un agriturismo a breve distanza da Montone. Un bellissimo borgo storico trasformato in struttura ricettiva. Appena sistemato il mio borsone in stanza, esco per fare una passeggiata nella proprietà. Il luogo è incantevole, immerso nella natura: una condizione perfetta per rigenerare corpo e mente. Una sensazione che ad ogni passo mi mi avvolge e ad ogni sguardo mi abbraccia. Seguo i sentieri che passano tra laghetti, antiche pertinenze e prati. Poi, alla fine della giornata, lascio che un tramonto da sogno mi inondi di calde tonalità.

DOVE DORMIRE PER UN WEEKEND IN UMBRIA

Quando il velluto della notte cala sul borgo, le luci calde dei lampioni trasformano ogni angolo in un labirinto cristallizzato nel tempo. Esco per andare a cena nel ristorante dell’agriturismo, dove passo una serata piacevole tra cibi eccellenti e un bicchiere di vino. Tanto non devo guidare! Domani mattina dovrò rientrare a casa prima del previsto, ma l’obiettivo è quello di tornare appena possibile in Umbria per il weekend, e continuare ad esplorare il resto della Valtiberina. Con calma e senza corse. In modo da degustare questi momenti di carezzevole scoperta dell’Italia.

Claudia B.